Speciale Val Venosta

Condividi

Speciale Val Venosta La valle perfetta, dove poter assaporare la flagranza vera, naturale e genuina dell'Alto Adige più puro, quello ancorato alle antiche tradizioni agricole e pastorizie di una volta. In maniera totalmente ermetica si può riassumere così la Val Venosta, che comprende una fetta consistente del territorio della provincia autonoma di Bolzano. 
La Val Venosta fa da sempre rima con benessere (grazie ai suoi polifunzionali centri estetici di primissima qualità), adatta alle famiglie, al divertimento, agli amanti dello sport e ai bikers e ai riders, che qui si divertono ad andare su e giù per i tornanti della zona. Una vallata ricchissima di frutti, tra i quali spiccano le albicocche, che qui hanno la loro patria. Le albicocche del comprensorio si chiamano anche Vinschger Marille”, un tipo di frutto molto saporito a causa delle particolari variazioni climatiche che vanno dal clima mediterraneo all'aria fresca di montagna.  
Questi i comuni principali del comprensorio, senza dimenticare gli altri che sono Castelbello, Ciardes, Lasa, Prato allo Stelvio, Senales, Stelvio, Tubre.

 

CURON VENOSTA: confina con l'Austria e il passo Resia ed è un comune molto caratteristico, senza dubbio famoso per un lago, il Lago di Resia, che sorge nelle sue adiacenza. Uno specchio artificiale dal quale nei periodi di secca fuoriesce un campanile a punta di epoca romana. Facilmente collegabile, grazie a una telecabina, con San Valentino alla Muta, Curon Venosta ha un fascino particolare, con le casette dallo stile tipico altoatesino.

SAN VALENTINO ALLA MURA: con 850 abitanti, S. Valentino è una frazione del comune di Curon Venosta, a 1.470 m di altitudine. Si trova a sud della diga del Lago di Resia, presso il Lago di San Valentino, che marca il limite settentrionale della piana di Malles, l’ampia area di prati e campi che caratterizza l’alta Val Venosta. Nel centro del paese, vicino alla chiesa parrocchiale, si trova l’ospizio “S. Voltn” (San Valentino), fondato nell’anno 1140. Da vedere anche i vicoli di Dörfl-Monteplair, il quartiere antico di S. Valentino, già abitato ai tempi dell’era romana. Il vero gioiello di S. Valentino è il suo lago, grande 90 ettari, il paradiso per i pescatori della Val Venosta. Un percorso nordic walking e per passeggiate circonda lo specchio d’acqua.

 

RESIA: Anche gran parte di Resia Vecchia srpofondó come la località vicina nei flutti del Lago artificiale di Resia. Un maso dette anticamente il nome al passo e al paese. L’insediamento attuale si trova alla stessa altitudine del passo, ovvero a 1.508 m, ed è un’ operosa cerniera tra il Nord-e il Sudtirolo. A sudovest si trova la località di Roja, nello stupendo paesaggio dell’alta valle. Essa è situata a 2.000 m di altitudine ed è quindi l’insediamento permanente tirolese piú ad alta quota. La piccola chiesa di S. Nicola vanta affreschi gotici dell’ inizio del XV secolo e testimonia l’ antichità di questo piccolo insediamento.

 

GLORENZA: racchiusa in notevoli mura di cinta, Glorenza è una delle località più belle in assoluto non solo della val Venosta, ma di tutto il Trentino Alto Adige, meta ideale per chi ama il relax e la quiete delle Dolomiti. E' situata a pochi chilometri dal confine svizzero.


MALLES VENOSTA: con oltre 5000 abitanti, situato lungo la via Claudio Augusta, Malles Venosta è il secondo comune più popoloso della val Venosta, quello che ospita, grazie a delle moderne strutture, alcune squadre di calcio (dalla serie A alla C2) durante i ritiri estivi.  Assieme a Curon Venosta, è uno dei quattro comuni italiani ad avere una grande particolarità. confine con due stati esteri assieme, Svizzera e Austria, inoltre è facilmente raggiungibile anche attraverso una linea ferroviaria che fa capolino da Merano.  


SILANDRO: è la località più grande della val Venosta (censiti oltre 6000 residenti), centro nevralgico, commerciale e nodo importante dal punto di vista delle comunicazioni dell'intera vallata dolomitica. Il territorio di Silandro si espande tra Lasa e la Val Martello. Silandro fu un tempo un luogo strategicamente fondamentale non solo per i romani, ma per tutti i popoli che scesero dal Nord Europa in Italia, e mercato a cielo aperto cui sono ancora oggi visibili i segni.


SLUDERNO: appartiene a un territorio estremamente ricco di flora e fauna, e negli ultimi anni ci sono stati parecchi interventi per salvaguardare questa importantissima ricchezza, che rendono Sluderno una località davvero a contatto con la natura e molto vivibile, estremamente tranquilla e a misura d'uomo. L'evento più importante dell'anno sono senza dubbio i Giochi Medioevali (chiamati anche Giochi Cavallereschi), che ogni anno si tengono in onore dell'importanza che ebbe Sluderno nel passato. Sempre a Sluderno è presente il rigoglioso Castel Coria, che è uno dei castelli rinascimentali conservati al meglio dell’Alto Adige e si erge maestosamente nell’Alta Val Venosta presso Sluderno, tedesco Schluderns. L’opera imponente è aperta al pubblico, l’armeria esposta gode di fama mondiale. 

 

LACES - VAL MARTELLO:  Il Comune di Laces con i paesi di Laces, Coldrano, Morter, Tarres e S. Martino al Monte si trova nel cuore della Val Venosta, chiamata anche “giardino delle mele”, nei pressi della città di cura di Merano (25 km). Ad attendervi un paesaggio naturale e culturale unico che offre: innumerevoli sentieri escursionistici, sentieri delle rogge, percorsi Fit & Fun per la famiglia, la piscina all'aperto AquaForum, IceForum, SportForum, mountain bike, biathlon, arrampicata, rafting, Nordic Walking e molto altro ancora ... La Val Martello (950 - 2000 m), incastonata nel Parco Nazionale dello Stelvio è una delle valli più belle della Val Venosta e anche la zona di coltivazione di fragole più alta in Europa.