I segreti del Dellago Ginger Rose

Condividi

I segreti del Dellago Ginger Rose

Tre anni or sono, durante un viaggio ad Abu Daby, la sig.ra Ruth Dellago insieme al marito Fritz, degustando diverse tipologie di cocktail analcolici a base di zenzero e profumi di rosa, venne l'idea di creare un prodotto simile, con degli accorgimenti negli ingredienti.

Al ritorno l'idea diventa realtà, prima creando uno sciroppo a base di zenzero e concentrato di profumi di rosa acquistabili in drogheria, e successivamente unendo gli ingredienti base al prosecco.

Dopo un'intensa attività di prove sul prodotto che è durato circa tre mesi, con diverse variazioni di contenuti, trovata la formula corretta si è deciso di procedere all'imbottigliamento.

Diversi e ripetuti sono stati i tentativi di trovare la soluzione ideale sia per il contenuto che per l'imbottigliamento, dalle prove con sciroppi di mele ritenuti poco idonei, all'imbottigliamento da parte di una ditta veneta sono riusciti a trovare la giusta alchimia e il concetto morale del prodotto.

Nell' arco dei tre anni successivi vi è stato un susseguirsi di evoluzioni sia tecniche che di divulgazione anche promozionale che ha portato il Ginger Rose ad essere un prodotto unico nel suo genere ed apprezzato.

Raffinato e elegante nella presentazione versato in calici con rigoroso marchio Dellago (raffigurante il Leone in qualità di Re degli animali e la rosa quale regina dei fiori), vengono guarniti con un petalo di rosa biologica proveniente dall'Olanda.

La divulgazione in questi anni ha subito una trasformazione e da quello che era inizialmente un prodotto quasi esclusivamente di casa oggi è diventato uno degli aperitivi più ricercati da utenti intenditori del settore e dal jet set internazionale. Un brand di assoluto successo destinato a crescere ancora maggiormente nel tempo ed oggi apprezzato non solo più dal gentil sesso ma anche dai signori che amano la cultura enologica.

visita il sito web: www.dellago-selection.com